CRONACA

Cartelle pazze: Popolazione vessata per inefficienza amministrariva

Intervento del Movimento civico ‘Taranto Respira’

09.03.2018 01:21

Premesso che il pagamento delle imposte è un dovere civico, in quanto necessario a finanziare i servizi che gli Enti pubblici devono fornire al cittadino, è tuttavia inaccettabile che tantissima parte della popolazione venga inondata da solleciti di pagamenti ,secondo una reiterata prassi ormai consolidata a tal punto da far pensare ad una manovra  per poter vessare i contribuenti ed arricchirsi con le spese di notifiche . Migliaia di cittadini , infatti, si sono visti recapitare gli avvisi IMU 2012 ,inviati massicciamente a solo pochi giorni prima della prescrizione quinquennale. Nessuno screening tributario è stato effettuato né gli avvisi tengono conto delle esenzioni relative alle abitazioni principali, delle pertinenze, delle eventuali inagibilità e , addirittura, in alcuni casi il contribuente viene chiamato a pagare  due volte per la stessa cartella Al disagio che ne consegue per lo spreco di tempo e perdite di giornate lavorative, a causa delle lunghe file davanti agli uffici comunali, va aggiunto che l’ inefficienza della macchina comunale  comporta  un  notevole stress psicologico soprattutto nelle persone anziane in quanto al contribuente è affidato l’onere della prova , per cui, se non si è conservata  alcuna ricevuta di avvenuto pagamento, si rischia di pagare sanzioni non dovute.Il paradosso è che l’emissione  a pioggia di cartelle pazze, risultanti poi errate in toto o in parte, anziché favorire le entrate delle casse comunali, costituisce, al contrario, un notevole aggravio di spese per l’Amministrazione, considerando i costi di stampa e notifica degli accertamenti, gli eventuali straordinari dei dipendenti comunali ,per far fronte alle molteplici richieste di annullamento in autotutela e la successiva stampa dello sgravio.

Poiché le carenze di una macchina amministrativa, in un Paese civile, non  possono e non devono ricadere sulla testa dei cittadini, come Movimento civico” Taranto Respira”,con il nostro consigliere Vincenzo Fornaro, crediamo che sia  ormai indifferibile un intervento di riordino e razionalizzazione del sistema informativo delle entrate locali, che affronti anche in modo serio e compiuto il problema del frequente verificarsi di errori macroscopici nell’attività di accertamento e riscossione dell’Amministrazione finanziaria.

Movimento civico “TarantoRespira”.

L'ex presidente del Martina Lippolis ha ragione su Luca Tilia...
Futsal B/M: Volare Polignano, il derby per sfatare il tabù casalingo