Cultura, musica e spettacolo

Eventi: Sperimentazione e innovazione con gli chef stellati pugliesi Felice Lo Basso e Pietro Penna

Protagonisti, durante Ego Festival, della masterclass dedicata alla bassa temperatura in cucina

Comunicato stampa
19.02.2020 18:58

Da sinistra: Pietro Penna e Felice Lo Basso
Felice Lo Basso
 e Pietro Penna, due dei più celebri chef stellati pugliesi, sono i protagonisti della masterclass “Cotture, la bassa temperatura e i valori nutrizionali”. Moderata da Giovanni Angelucci, autorevole giornalista enogastronomico, la lezione vede dialogare i due cuochi tra ingredienti della tradizione locale e innovative tecniche di preparazione. Promossa da Philip Morris e ispirata al sistema di controllo della temperatura del dispositivo senza fumo IQOS, la masterclass indaga l’innovativa tecnica di cottura a bassa temperatura. Quest’ultima, coniugata all’abilità dei due chef, trasforma molti degli ingredienti della tradizione locale in creazioni culinarie di altissimo livello, esaltando al meglio il gusto delle materie prime e preservandone le proprietà organolettiche. “La scelta degli ingredienti, così come la sperimentazione, è fondamentale. Mantenere la giusta temperatura è uno dei segreti della mia cucina”, sottolinea lo chef Felice Lo Basso, che aggiunge, “Le stesse materie prime utilizzate a temperature diverse avrebbero reso il piatto disarmonico. Così come l’innovazione alla base di IQOS consente di preservare il sapore del tabacco, la mia cucina esalta i sapori degli ingredienti con l’ausilio della tecnologia”. Sostenibilità, radici, territorio, ma anche sperimentazione e innovazione. Questi i temi caratterizzanti della masterclass, così come di EGO Festival. Con l’ambizione di avviare un confronto dinamico sui temi del futuro, la terza edizione del più grande evento nel sud Italia di cultura enogastronomica spazia dall’enogastronomia all’arte, caratterizzandosi come contenitore interattivo per favorire scambi di prospettive sulla contemporaneità, con la cucina principale promotrice di tale dialogo. “Celebrati per una cucina creativa e sperimentale, Felice Lo Basso e Pietro Penna sono stati capaci di innovare la propria disciplina. Con questa collaborazione, Philip Morris, che ha rivoluzionato la propria visione aziendale per un futuro senza fumo, conferma il sostegno a iniziative di carattere innovativo, dove proprio il futuro e nuove prospettive restano elementi fondamentali su cui puntare”, sottolinea Daniel Cuevas, direttore RRP di Philip Morris Italia. Ai piatti presentati dai due chef sono stati abbinati vini differenti, tutti forniti da Varvaglione 1921, la più grande azienda vinicola a conduzione familiare in Puglia. A ospitare l’evento, nel cuore della Città Vecchia, a ridosso tra l’Isola e il Borgo Umbertino, è stato il Castello Aragonese, scrigno di storia e di bellezza.

Taranto: Tutto esaurito per ‘Bestiario d’amore’, il concerto di Vinicio Capossela
Teatro: ‘made in Italy’, sabato 22 febbraio al TaTÀ di Taranto