TARANTO

Taranto: Luigi Manzo è una diga, D’Agostino incanta

Le pagelle dopo la gara con il Francavilla: Oggiano corre e lotta, Masi e Cuccurullo hanno cazzimma da vendere

17.11.2019 19:05

Foto Walter Nobile

DI GIANNI SEBASTIO

SPOSITO - 7: Ha il giusto coraggio nelle uscite, tra i pali è una saracinesca. Ha parato parato anche la... pioggia!

PELLICCIA - 6,5, Si procura il rigore che sblocca la contesa. Lavora sodo e con raziocinio.

FERRARA - 6,5: Tiene a bada Nolè,  la sua forza fisica viene a galla anche nella risaia

STEFANO MANZO - 7: Sradica palloni dai piedi degli avversari in quantità industriale.

GIGI MANZO - 7,5: Imperioso nel gioco aereo. Giganteggia nella retroguardia ionica, dalle sue parti non passa nessuno.

BENVENGA - 7: Forma fisica smagliante. La sua partita è un mix di forza e qualità.

OGGIANO - 7: Pennella l'assist del 2-0. Lotta e corre come se non ci fosse un domani.

CUCCURULLO - 7: "Cazzimma" ne abbiamo? In abbondanza...

FAVETTA - 7: Confeziona un gol da cineteca che manda la gara in archivio, tre punti in banca.

D'AGOSTINO - 7,5: Chi ha detto che dal fango non sbocciano fiori? Chiedetelo a un genovese naturalizzato tarantino. Esagera con i tunnel e in occasione dell'assist per il tris di Genchi. 

GENCHI - 8: Porta a casa il pallone con i tre gol che chiudono la contesa con largo anticipo. Impossibile chiedere di più.

GALDEAN - 6,5: Sì cala subito nel contesto della gara. Affidabile. 6,5

MASI - 6,5: Niente male il caratterino del ragazzo, qualità ne ha da vendere.

MATUTE - sv: La sua partita dura solo sei minuti, esce per infortunio,

ALLEGRINI - 6,5: Ringhia come ai vecchi tempi sulle caviglie degli avversari. È tornato, e non solo fisicamente.

GUAITA - 6,5: Utile, peccato per quella stoccata che avrebbe fruttato il "pokerissimo".

ALL. PANARELLI - 7,5: Tutto secondo la logica. La praticità con cui prepara le partite è disarmante. Le sue scelte sono tutte ineccepibili.

Con Alitalia e Blunote si vola a 40 euro. Programma le tue vacanze
[Video] Al Sorrento basta un gol di Gargiulo per piegare il Nardò