TARANTO

Taranto: Mezzo secolo fa, Salinella in festa per il Real Madrid

Mimmo Galeone
08.09.2018 02:37

Amancio firma il terzo gol del Real Madrid, il portiere Bertini e Mario Iannarilli non possono che stare a guardare

Esattamente mezzo secolo fa, 8 settembre 1968, fu disputata, in riva allo Jonio, forse la più prestigiosa partita di calcio della storia rossoblu: Taranto - Real Madrid. L' anno di grazia 1968, ricco di fermenti sociali e culturali, fu un anno denso di importanti avvenimenti anche per la città di Taranto. Basti pensare che il 24 dicembre la messa di Natale fu celebrata dall' allora Pontefice Paolo VI, tra i lavoratori e le maestranze del centro siderurgicio Italsider. Un grande avvenimento, con le immagini televisive che fecero il giro del mondo. A livello, per così dire, più profano, alla fine dell' estate di quello stesso anno, un grande evento calcistico caratterizzò il mondo pallonaro tarantino. Il grande Real Madrid, infatti, infarcito di campioni quali Gento, Amancio e Pirri, avrebbe giocato in amichevole contro i rossoblu allo stadio “ Salinella ”. I tifosi entrarorono subito in fibrillazione, anche se non mancarono gli scettici: “ Verrano con i ragazzi della Primavera, con al massimo 4 o 5 titolari” si vociferava nei bar e nei circoli sportivi. La dirigenza madrilista spazzò via ogni dubbio con un telegramma che recitava testalmuente : “ Por AS Taranto-Madrid de 41341/40. De acuerdo comunicacion senor Chanela damos conformidad partito dia opto Septiembre con equipo titular. Saludos.” Da quel momento tutte le rivendite furono prese d' assalto. Giunsero richieste di tagliandi dalla Calabria, dal Molise, dalla Campania e persino dalla Sicilia. I prezzi oscillavano dalle 1200 lire per curve e gradinate per arrivare alle 3000 lire della tribuna centrale. Naturalmente le scorte furono esaurite in pochissimo tempo. La vigilia fu frenetica e si consumò tra ricevimenti ufficiali, incontri con le autorità e premiazioni varie. La delegazione spagnola fu disponibile al massimo, in maniera davvero signorile: i calciatori firmavano tranquillamente autografi per strada, facendosi fotografare con estrema disponibilità. Un calcio più umano, insomma, rispetto agli eccessi di divismo che imperversano nel mondo attuale del pallone. E venne il giorno della partita, che si disputò di pomeriggio, non essendo lo stadio tarantino all' epoca dotato di impianto di illuminazione. Lo stadio era stracolmo già due ore prima del fischio d' inizio. Sugli spalti oltre ventimila spettatori, pronti ad applaudire i campioni madrilisti e ad incitare a gran voce i rossoblu verso un poco probabile miracolo calcistico. Miracolo che ovviamente non poteva esserci; e che infatti non accadde. Troppo forti i campioni di Spagna, per un Taranto che all' epoca militava in serie C. La resistenza degli jonici durò esattamente 13 minuti, fino a quando, cioè, Gento lavorò un bel pallone sull' out di sinistra, pennellandolo per la testa di Amancio che non ebbe difficoltà a battere il portiere Bertini. I ragazzi del presidente Di Maggio, tuttavia, non si disunirono e, una volta incassata la rete, provarono a reagire attraverso la grinta di un superbo Napoleoni e con alcune belle iniziative di Di Stefano. La prima frazione di gara si chiuse con il Real in vantaggio con il minimo scarto e con il Taranto comunque in partita. Nella ripresa, tuttavia, i rossoblu, ancora imballati dalla dura preparazione estiva, furono costretti a pagare dazio, ed il neo entrato Veloso al 55' chiude praticamente la contesa. Ulteriori sigilli vennero apposti ancora da Amancio a metà ripresa e infine da Bueno, che firmò il poker finale. Alla fine applausi scroscianti per tutti, con i tifosi di casa a srotolare uno striscione con la scritta profetica “ Torneremo in serie B “. Ed infatti il Taranto proprio in quella stagione, riuscirà a tornare in cadetteria, dopo vicende tribolatissime e rocambolesche. Ma questa è un' altra storia.  

Stadio “Salinella” 8 settembre 1968 ore 16.30

TARANTO-REAL MADRID 0-4

RETI: 13' Amancio, 55' Veloso, 62' Amancio, 73' Bueno 

TARANTO: Bertini, Puccini, Rondoni, Napoleoni, Iannarilli, Casini, Ferraro (46' Malavasi), Di Stefano, Lobascio (72' Gagliardelli), Fabrizi, Beretti (46' Pucci). All. Biagini - Raguso.

REAL MADRID: Betancort (46' Junguera), Sanchis, Zunzunegui (46' Miera), Pirri, De Felipe, Zoco, Perez (46' Veloso), Amancio, Lopez, Vidal (12' De Diego), Gento (66' Bueno). All. Munoz.

Arbitro: Gialluisi di Barletta. Assistenti: Petrelli e Rende

Note: spettatori 20.00 circa, con un incasso di quasi 23 milioni di lire.

Real Virtus Grottaglie, la pioggia non ferma i Giovanissimi
Brindisi: Rufini, 'Con il Corato saranno determinanti gli episodi'