Serie D

Cerignola: Potenza, 'Festeggiamo ma bisogna finalizzare di più'

Redazione
18.09.2019 18:54

DI CRISTINA MARIANO Queste le dichiarazioni post gara del tecnico del Cerignola Potenza: "Se hai delle ambizioni, queste sono partite in cui devi fare punteggio pieno -commenta in conferenza stampa il tecnico gialloblù Alessandro Potenza- I contenuti tecnico-tattici nel primo tempo sono stati di un tirato importanti. Siamo andati in difficoltà nel muovere palla in mezzo al campo con Muscatiello e Sirmic, che giocando sul corto non erano veloci a trovare gli attaccanti tra le linee, anche se devo ammettere che hanno comunque avuto coraggio perchè hanno continuato a giocare nonostante qualche palla di troppo persa in mezzo al campo. Il secondo gol è stato frutto dell'impostazione bassa del gioco che abbiamo fatto. Abbiamo sofferto i loro cambi gioco per una fase di 15 minuti per poi trovare le misure. Il dato più importante dopo il gol a freddo nel secondo tempo è che abbiamo sofferto di meno rispetto alle scorse partite. Ora festeggiamo, ma in queste partite bisogna finalizzare le occasioni create e nel secondo tempo, in transizione abbiamo avuto l'occasione per la terza marcatura ma non l'abbiamo sfruttata. Noi abbiamo fatto un accordo coi ragazzi, per tenerli più freschi cerchiamo di non caricarli durante l'allenamento, non avrebbe senso. Per il resto quasi un'ora al giorno li faccio studiare i video per analizzare le cose da migliorare. Bisogna comunque allungare la rosa perchè in queste partite è necessario portare i punti a casa, questo vuol dire avere una coperta più lunga. Con tutti gli alibi che abbiamo, portare il risultato a casa, fa ben sperare dal punto di vista caratteriale. -conclude Potenza- Io dico sempre ai ragazzi di impegnarsi e dare il massimo, fanno sempre quasi alla lettera quello che dico. Il dramma sarebbe solo capire se in caso di svantaggio la squadra avrebbe la forza fisica per recuperare il risultato".

Casarano: De Candia polemico, ‘Forse c'era rigore’
Calcio: Tv pirata, Procura ‘Puniremo anche gli utenti, è reato’