TARANTO

Altamura: Ginestra, ‘L’ambiente può fare la differenza’

Alessio Petralla
13.01.2018 13:01

Voglia di riscatto e tanto lavoro in casa Altamura in vista della super sfida di Taranto, che il tecnico Ciro Ginestra, a Blunote, presenta così: “Siamo un po’ amareggiati per non aver vinto le ultime due sfide: dopo dieci vittorie di fila, però, ci può stare. Con il Gragnano è stata la nostra più brutta gara dell’anno con un avversario che pensava solo a difendersi. Abbiamo lavorato sulle nostre qualità e possiamo giocarcela con tutti”.

FORMAZIONE: “Ho tutti a disposizione, valuterò le scelte migliori”.

L’AMBIENTE: “Qui ad Altamura è sereno anche perché stiamo disputando un campionato sopra le righe. All’inizio non c’ero, ma so che si puntava a una tranquilla salvezza. Ce lo stiamo meritando sul campo e vogliamo continuare a sfruttare questa scia positiva”.

IL TARANTO: “Mi aspetto un Taranto forte visto che è una tra le formazioni più importanti del girone con individualità di spessore. Gli ionici avevano obiettivi diversi. Sarà una gara difficile ma siamo pronti. L’abbiamo preparata al meglio”.

INSIDIE: “Conosco bene il Taranto visto che ho assistito a parecchie gare. L’insidia più grande è la mia squadra, se gioca come sa può far divertire. La posta in palio è altissima e tutte e due le squadre si giocano tanto. Spero sia una giornata di bel calcio”.

IL CAMPIONATO: “Il girone H è tra i più difficili viste le grandi piazze come Potenza, Taranto, Altamura, Cerignola e Cava de’ Tirreni. Le prime quattro in classifica, ma anche Taranto e Gravina, se la possono giocare. Il Gragnano, con noi, ha dimostrato che ogni partita è difficile “.

GINESTRA: “Da calciatore, a Taranto, ci sono venuto tante volte e so cosa significa giocare allo “Iacovone”. Ho poca esperienza da allenatore e devo rifarmi a quella da calciatore: ho avvisato i ragazzi che devono stare tranquilli perché si gioca undici contro undici, anche se l’ambiente può fare la differenza…”.

FOTO IANUALE

Si ringraziano:

 

Pronostici: Mondino, ‘Taranto ora è più motivato, ma...’
Il pianoforte di Carlo Guaitoli per il concerto ‘Bernstein & Gershwin’