V. FRANCAVILLA

Virtus: D'agostino, ‘La Paganese non merita quella classifica’

Alessio Petralla
13.10.2017 14:10

E' un grande momento per la Virtus Francavilla, come conferma, il tecnico Gaetano D'agostino in vista della sfida di Pagani: "Sognare fa sempre bene, anche se bisogna farlo di notte. Quando si aprono gli occhi c'è la realtà e la realtà dice che possiamo continuare a fare bene se c'è fame e ci diamo una mano".

MIGLIORAMENTI: "Sto vedendo miglioramenti di settimana in settimana. Sto lavorando sui singoli e sulla squadra perchè ogni calciatore deve dare qualcosa, dev'essere altruista. Ci sono calciatori che con acciacchi sono scesi in campo stringendo i denti: per me il lavoro è tutto. Si perde e si vince di squadra. Nessun calciatore è fuori dal coro: se uno gioca da 5 in pagella vuol dire che sono tutti su quel voto".

LA PAGANESE: "La formazione campana gioca con il 4-2-3-1 che diventa 4-4-1-1 con le tre mezze punte che non danno riferimento se gioca Bensaja che è un calciatore alla Naingolann: più centrocampista che seconda punta. Sono bravi nel palleggio e l'insidia numero uno è Talamo attaccante importante che si sacrifica tanto in fase di non possesso. Occhio anche a Scarpa e Cesaretti. Si tratta di una compagine che non merita quella classifica e che gioca al calcio. I miei calciatori dovranno provare ad attaccare e limitare il loro gioco".

TURN OVER: "La prossima settimana si giocherà la sfida di coppa con il Bisceglie e saranno i ragazzi a dimostrarmi se servirà turn over. Qualcuno di loro si appresta a disputare la quarta partita in quindici giorni. Vogliamo passare il turno".

LA GARA: "Quello di Pagani è un campo difficile visto che si gioca in Campania. Dovremo curare ogni particolare e restare concentrati. Oltre alle qualità tecniche hanno un pizzico di malizia che può aiutarli a fare punti. Siamo pronti a tutto su un rettangolo di gioco abbastanza grande  in cui non si giocherà sulle seconde palle".

FORMAZIONE: "Pino sta bene, De Toma non sarà disponibile così come Saraniti".

Paganese: Favo, 'Virtus? Lavorato in modo minuzioso'
I Giovani Rossoblu tornano al Beato Nunzio Sulprizio