Cultura, musica e spettacolo

Castellaneta: Teatro Valentino Stagione di teatro, danza, letteratura 2019/20

Leo Gullotta, Vito Signorile e Antonio Stornaiolo, Emilio Solfrizzi, compagnia AltraDanza, Enzo Iacchetti e Pino Quartullo

Comunicato stampa
14.12.2019 00:23

Leo Gullotta

Comincia martedì 14 gennaio la stagione 2019_2020 del Comune di Castellaneta in collaborazione con il Teatro Pubblico Pugliese. Il primo a salire sul palco del Teatro Valentino è Leo Gullotta con Pensaci Giacomino di Luigi Pirandello per la regia di Fabio Grossi. Nato come una novella dalla penna di Pirandello nel 1915, Pensaci Giacomino è stato portato per la prima volta a teatro nel 1917. Un testo di condanna di una società becera e ciarliera, dove il gioco della calunnia, del dissacro e del bigottismo e sempre pronto ad esibirsi. Ieri, come oggi. Si prosegue il 4 febbraio con Vito Signorile, Antonio Stornaiolo in #PiùShakespearePerTutti uno spettacolo che è al tempo stesso una lezione e una scherzosa conversazione ideata e condotta dall’attore e presentatore Antonio Stornaiolo con la partecipazione di Vito Signorile su Shakespeare e il segreto della sua fortuna ancora viva oggi, ai tempi di Facebook e degli smartphone. I due artisti proporranno nel contempo giuste riflessioni sulla sua poetica, sulla coltivazione dei talenti e dei saperi, sulla necessità della parola per comunicare emozioni forti ed intense. Segue il 21 febbraio Roger con Emilio Solfrizzi, spettacolo scritto e diretto da Umberto Marino. L’azione si svolge interamente su un campo da tennis e rappresenta un’immaginaria partita tra un generico numero due e l’inarrivabile numero uno del tennis di tutti i tempi, un campionissimo di nome Roger. Un monologo completamente affidato alla centralità della parola e alla forza interpretativa Solfrizzi grazie a cui gli spettatori riescono comunque a vedere il campo, l’arbitro, la palla, la racchetta, i colpi. Si torna a teatro con un appuntamento dedicato alla danza il 6 marzo con Mozartangosuite, della compagnia AltraDanza in cui si susseguono quadri di danza che fondano insieme le sinuosità voluttuose del tango di Piazzolla e la genialità musicale di Mozart. Ardenti passi a due, coinvolgenti momenti di gruppo e assoli per raccontare l’eterno e mutevole universo dell’amore. Penultimo appuntamento è quello con Enzo Iacchetti e Pino Quartullo e il loro Hollywood Burger in programma il 23 marzo. Quanti possono dire di aver raggiunto le mete che si erano prefissati all’inizio della propria vita? Quanti possono essere pienamente soddisfatti per aver realizzato il proprio sogno? In una mensa per artisti negli Studios ad Hollywood, due attori mitomani, assolutamente alla deriva ma tenacemente aggrappati al sogno del cinema, se ne dicono e ne fanno di tutti i colori mentre spalmano sui loro hamburger senape, maionese, ketchup, con un fare convulso e ingordo come la loro voglia di far parte, in un modo o nell’altro, della magia di Hollywood. La stagione vede anche un momento dedicato alla letteratura con Serata d’autore, incontri con scrittori e artisti , a cominciare da gennaio, il cui calendario sarà comunicato prossimamente.

Taranto: 5 giugno 1983, una delle partite più drammatiche
Il calcio in una foto