CRONACA

ArcelorMittal: Sit in dei sindacati alla prefettura di Taranto

Rivendicato rispetto accordo istituzionale sottoscritto al Ministero dello sviluppo economico il 6 settembre 2018

22.05.2020 12:01


Presidio e sit-in di protesta organizzato dai sindacati metalmeccanici FIM, FIOM e UILM dinanzi alla Prefettura di Taranto per chiedere certezze sul futuro dei lavoratori ArcelorMittal. Alle 8,30 di venerdì 22 maggio si sono dati appuntamento lavoratori diretti e delle dutte dell'indotto, scelta la Prefettura come luogo simbolo del Governo sul territorio, si tratta della prima manifestazione durante l'emergenza Covid, i sindacati hanno rivendicato il rispetto dell'accordo istituzionale sottoscritto al Ministero dello sviluppo economico il 6 settembre 2018. Adesso i sindacati confederali s'interrogano sule ipotesi di futuro sia per i lavoratori diretti che per quelli dell'appalto, con questa protesta intendono sollecitare il Governo a svolgere il suo ruolo di garante. Per lunedi prossimo, 25 maggio è stato proclamato uno sciopero di 4 ore per ogni turno di tutti i lavoratori di ArcelorMittal, proprio in concomitanza con la videoconferenza organizzata dal Ministro Patuanelli alla quale parteciperanno i rappresentanti sindacali e quelli dell'azienda. Al centro dell'attenzione anche il massiccio ricorso agli ammortizzatori sociali, sono infatti circa 5000 i lavoratori in Cig su un organico di poco superiore alle 8000 unità, a questi si aggiungono 1600 in cassa integrazione di Ilva in A.S.

USB: ‘ArcelorMittal deve andare via da Taranto’
La procedura Inps per il Reddito di Emergenza