FUTSAL

Futsal A2/F: Asd Conversano, Federica Pansini ‘Star fuori è dura’

Parla la numero 7 alle prese con un infortunio al ginocchio: ‘Penso solo a recuperare bene’

Comunicato stampa
06.12.2018 23:21

Calcettista universale che fa dell’intelligenza tattica e della tecnica i suoi punti di forza, ha iniziato la carriera sportiva indossando la casacca dell’EffeGi Castellana per poi proseguire allo United Noci, prima di approdare al Conversano, nelle cui fila sta disputando la quinta stagione, seppur condizionata da un infortunio, che la costringe ai box, in attesa dell’intervento al crociato previsto per Marzo. Parola a Federica Pansini, classe 1995, numero 7 della squadra rossoblù, pedina mancante nello scacchiere a disposizione del mister Berardi per questa stagione. 

- Ciao Federica, una tua breve presentazione con caratteristiche tecniche, pregi e limiti

“Sono una calcettista universale, vesto la maglia numero 7 e sono nata nel 1995; i miei punti di forza sono l’intelligenza tattica e la buona tecnica, cerco inoltre di crescere ulteriormente sotto ogni aspetto, consapevole di avere ancora ampi margini di miglioramento”.

- Sei al momento infortunata? Quando dovrai subire l'intervento al crociato?

“Al momento sono infortunata e lontano dai campi da gioco, l’intervento dovrebbe essere fissato per marzo”.

- Come stai vivendo questo periodo di riposo forzato? 

“Stare fuori è dura, la strada è ancora lunga, meglio non pensarci”.

- Un breve cenno sugli inizi della tua carriera sportiva e sulle squadre in cui hai militato.

“All’età di 6 anni ho toccato il mio primo pallone nella scuola calcio maschile del mio paese a Palagianello, ma dopo soli 4 anni ahimè ho dovuto temporaneamente sospendere l’attività agonistica perché non esistevano ancora realtà di calcio femminile. A 16 anni ho ripreso a giocare nel mondo del calcio a 5, vestendo per 2 stagioni la maglia dell’EffeGi Castellana e per altre 2 quella dello United Noci. Questo invece che sto trascorrendo è il mio quinto anno nell’Asd Conversano, che per me più che una società, rappresenta una vera e propria famiglia”.

- Come giudichi il campionato del Conversano? La posizione in classifica rispecchia i valori della squadra?

“Tutto sommato si, credo che le squadre che ci precedono siano state tutte attrezzate per vincere questo campionato”.

- Infine,obiettivi personali per questa stagione

“Per quest’anno punto solo ad un corretto recupero dopo l’intervento”.

Teatro: All’Orfeo di Taranto un attesissimo Luca Argentero
Boxe: Il Coni premia la ‘Quero-Chiloiro’ Taranto