TARANTO

Punto D/H: Latartara, ‘Taranto, meglio uno stop adesso...’

Alessio Petralla
01.11.2018 13:42

Una gara sfortunata e condizionata da alcune decisioni arbitrali quella tra Taranto e Fidelis Andria, è la convinzione di Francesco Latartara: “Quella di domenica è stata una gara sfortunata su un campo impraticabile e con un arbitraggio un po’ di parte. Dopo 20’, purtroppo, il Taranto era già sotto di due gol e questa situazione può aver tagliato le gambe. La sconfitta ci può stare: del resto meglio fermarsi ora che siamo ancora all’inizio”.

IL CAMPIONATO: “Oltre al Taranto, per la vittoria finale c’è il Cerignola che non era partito bene, ma che adesso si trova a soli due punti dalla vetta: ha calciatori importanti e di categoria. Il Picerno si sta confermando una buona squadra con gente come Santaniello, Esposito e Vanacore. Le altre formazioni sono dei punti interrogativi, bisogna attendere almeno la decima giornata una classifica più delineata. Poi, ci sarà il mercato di dicembre, altra tappa importante”.

ZONA RETROCESSIONE: “E’ strano vedere tante campane così in basso, non mi aspettavo di trovare in zona play out Nola e Sorrento. Comunque sono tutte raggruppate in pochi punti e con l’equilibrio che regna bastano due vittorie per guadagnare posizioni”

FASANO-TARANTO: “Il Taranto dovrà fare a meno di Marsili e Manzo, i fari del centrocampo. Chi scenderà in campo lo farà con l’atteggiamento giusto. Il terreno di gioco di Fasano è ostico e piccolo: ci sarà da lottare su ogni pallone e con la giusta cattiveria agonistica”.

BIG MATCH: “Il Cerignola sarà ospite del Savoia e non sarà una gara semplice, ma interpretandola nel modo giusto possono ottenere i tre punti. I campani hanno ottimi calciatori e in casa si fanno rispettare. Al Picerno toccherà la durissima sfida di Gravina che domenica ha dimostrato il suo valore. Un episodio potrebbe decidere entrambe le sfide”.

Si ringrazia:

Vibonese: L'ex Virtus Prezioso, ‘Per me sarà emozionante’
Fasano: Anglani, 'Taranto? C'è tanto entusiasmo e fiducia'