Taranto: La scuola si avvicina all’Afghanistan attraverso la fotografia

Cultura, musica e spettacolo
25.01.2022 13:46

Oggi 22 gennaio 2022, presso l’IIS “P.ssa Maria Pia” di Taranto, ha avuto inizio l’evento culturale dal titolo La fotografia per incontrare, la fotografia per incontrarsi: Afghanistan. All’interno dei locali scolastici saranno esposte quaranta opere fotografiche dell’artista Hamid Sultani e di altri artisti di nazionalità afghana , parti della mostra intitolata Afghan Rewind 2021 – 2001, la quale nasce da una idea del collettivo Induction fondato a Kabul da un gruppo di artisti afghani con l’intento di cambiare la narrativa egemonica sull'Afghanistan. Le narrazioni della guerra, dei problemi sociali e dei cambiamenti portate avanti dagli Stati invasori e dai media occidentali non li rappresentava e gli artisti volevano cominciare a parlare di sé, del proprio mondo interiore, del proprio spazio socio-antropologico, delle città in trasformazione, della filosofia alla base di tutto questo. Dopo la presa di potere da parte dei talebani, il collettivo ferma tutte le proprie attività artistiche e educative e i membri del collettivo entrano in clandestinità. Alcuni dei membri riescono ad uscire dal Paese e attualmente si trovano in Paesi confinanti in attesa di trovare una soluzione per trasferirsi in un luogo sicuro. A partire da questo vissuto di spoliazione geografica, antropologica e sociologica la fotografia diventa, nello sguardo di Hamid Sultani e degli altri artisti del collettivo, strumento per riportare le narrazioni sull’Afghanistan a livelli di realtà oggettivata e non più alterata da forme discorsive distorte, quindi improprie. All’interno di questo evento, curato dalla Prof.ssa Teresa D’Assisi e collocato all’interno del progetto in rete Scuol@genda2030 di cui l’IIS “P.ssa Maria Pia” è parte, sarà organizzato un momento dedicato al tema dell’interculturalità: giovedì 27 gennaio 2022, alle 16.30, nello spazio della scuola dedicato alla mostra fotografica, arricchita dalle opere pittoriche della Prof.ssa Carmen Manco e dalle sculture del Prof. Massimo Carriero, i rappresentanti dell’associazione Noi e Voi di Taranto porteranno la propria testimonianza circa le azioni di inclusione di chi è rimasto senza casa, senza patria, senza cittadinanza. Gli studenti della classe V A del Liceo Scientifico –opz. Scienze Applicate, coordinati dalla Prof.ssa Valeria Carrieri, hanno curato l’allestimento degli spazi. L’occasione sarà propizia per allargarsi su una riflessione legata alla giornata della memoria. L’incontro sarà aperto alla comunità tarantina. Nel corso del confronto gli studenti della scuola condurranno un breve, ma intenso, reading di poesie di poetesse afghane. La prenotazione può essere effettuata al numero 099/7794407. L’evento generale si concluderà sabato 5 febbraio 2021 con un incontro nell’Aula Magna dell’IIS “P.ssa Maria Pia” durante il quale potrebbe essere presente anche Hamid Sultani, che attualmente è rifugiato in Pakistan e la richiesta da parte della scuola del suo coinvolgimento va a supporto dell’iter di inclusione di Hamid Sultani nella comunità italiana. (CS)

Proteggi la tua auto/moto 🚕 🏍 e risparmia fino al 65%
Grottaglie: Lavori Via San Francesco de Geronimo, interrogazione urgente