Calcio Varie

Serie B: Foggia supera lo Spezia in un clima da scampagnata

Se da un lato con questi tre punti ha guadagnato matematicamente la salvezza, dall’altro deve forse rinunciare definitivamente al sogno playoff

01.05.2018 17:05

Tonucci decisivo con il suo gol

DI GIOVANNI VIGILANTE Gli spalti dello Zaccheria risentono della giornata festiva e delle ambizioni di play off, ormai ridotte al lumicino, dei padroni di casa e presentano larghi spazi vuoti, evento insolito per questo campionato. Stroppa riconferma in porta Noppert mentre in avanti è Floriano a fare da spalla a Mazzeo. In panchina Agnelli e Loiacono, la fascia di capitano tocca, quindi, al rientrante Gerbo. Lo Spezia deve invece rinunciare a Lopez squalificato mentre ritorna De Col, Granoche e Forte compongono il duo di attacco.

Primo tempo Il clima da scampagnata sembra ripercuotersi sui ritmi di gara e solo in due occasioni i rossoneri cercano di destare dal torpore post-prandiale i propri tifosi. Al 17’ Agazzi difende caparbiamente una palla a centrocampo e serve Deli che per vie centrali e dopo ripetuti dribling, entra in area e tira di poco a lato. Sette minuti più tardi ci prova Mazzeo ma la sua conclusione è centrale e non spaventa il portiere ligure che blocca. Al 28’ l’episodio che sblocca la gara: Agazzi dalla destra mette al centro un cross basso sul quale Manfredini è in colpevole ritardo, per l’accorrente Floriano è un gioco da ragazzi ribadire in rete il gol del vantaggio. La temperatura estiva consiglia al direttore di gara la concessione alle squadre di una breve pausa affinché si rinfreschino. Alla ripresa del gioco, lo Spezia va vicino al pareggio sfruttando un’incomprensione fra Martinelli e Noppert, nell’occasione è lesto Kragl a soffiare il pallone dai piedi di Granoche, solo davanti alla porta rimasta vuota.

Secondo tempo L’intervallo rigenera le due compagini che scendono in campo con maggiore determinazione. Sin dal primo minuto gli spezzini fanno intendere di non voler rivestire i panni della vittima sacrificale e con Forte si rendono subito pericolosi. Mister Gallo fa alzare il baricentro dei suoi ed il Foggia ne approfitta per sfruttare le veloci ripartenze di Floriano, Agazzi e Deli. Al 37’ i satanelli raddoppiano grazie ad un calibrato traversone di Gerbo che Tonucci trasforma in rete con una spettacolare semirovesciata. Tardivamente si risvegliano gli ospiti che al 40’ dimezzano lo svantaggio con Marilungo di testa. Sulla scia dell’entusiasmo i liguri mancano il pareggio un minuto dopo, nell’occasione è bravo Noppert a deviare in tuffo l’incornata a colpo sicuro di Granoche. Verso lo scadere inizia lo show di Beretta che approfittando dei larghi spazi lasciati dagli avversari dapprima si vedesalvare sulla linea un gol già fatto e dopo su analoga azione colpisce il palo a portiere battuto.

La vittoria è il corollario a una stagione che per i rossoneri sta volgendo al termine senza i patemi d’animo del girone di andata. E se da un lato con questi tre punti ha guadagnato matematicamente la salvezza, dall’altro, la squadra di Stroppa deve forse rinunciare definitivamente al sogno degli spareggi per la promozione visto anche i risultati delle concorrenti.

FOGGIA-SPEZIA 2-1

RETI: 28’ pt Floriano (F), 37’st Tonucci (F), 40’st Marilungo (S)

FOGGIA (3-5-2): Noppert; Tonucci, Martinelli, Calabresi; Gerbo, Agazzi, Greco (11’st Agnelli), Deli, Kragl; Mazzeo (19’st Beretta), Floriano (30’st Nicastro). Panchina: Guarna, Figliomeni, Loiacono, Zambelli, Rubin, Celli, Ramè, Camporese, Scaglia. All. Stroppa.

SPEZIA (3-5-2): Manfredini; Terzi (14’st Marilungo), Giani, Ceccaroni; De Col, Mora, Bolzoni, Maggiore(30’st Ammari), Augello; Granoche, Forte (18’st Mulattieri). Panchina: Bassi, Di Gennaro, Capelli, Corbo, Masi, Awua, De Francesco, Pessina, Gilardino. All. Gallo.

Arbitro: Di Martino di Teramo. Assistenti: Fiore di Barletta e Opromolla di Salerno. IV Uomo: Di Paolo di Avezzano.

Ammoniti: Mora (S), Kragl (F), Calabresi (F).

Commenti

Baseball C/M: Rimonta da brividi, ai Tritons il derby col Bari
Serie B: 39a Giornata, il Parma conserva il secondo posto