Serie D

Brindisi: Olivieri, 'Cerignola? Nel calcio nulla è impossibile'

Alessio Petralla
21.09.2019 14:52

E', ancora, tempo di super sfide per il Brindisi che domenica pomeriggio, al "Fanuzzi" ospiterà l'Audace Cerignola reduce da due successi ravvicinati. Si è lavorato al meglio per colmare gli errori di Casarano come spiega il tecnico degli adriatici Massimiliano Olivieri: "A Casarano, effettivamente, abbiamo fatto qualche passo indietro: non siamo mai entrati in partita con i gol dei leccesi che ci hanno messo, poi, totalmente fuori. Questo ko ci dev'essere d'insegnamento: non era la squadra che conosco e se la sconfitta va interpretata nel modo giusto non può far altro che bene".

TRE PUNTI: "Il nostro obiettivo è sempre quello di conquistare i tre punti e domenica scorsa qualcosa ci è mancato. In settimana ci siamo allenati analizzando le cause e pensando al Cerignola che è una formazione forte. Siamo chiamati a sudare sempre la maglia e con il Casarano ad un certo punto abbiamo avuto dei punti morti".

LA GARA: "Dovremo avere la capacità di soffrire nel modo giusto cercando di sfruttare gli errori. Sarà una gara difficile in cui serviranno cattiveria e voglia. Nel calcio nulla è impossibile e se scenderemo in campo con spirito positivo qualcosa di buono la faremo. Confido nei miei ragazzi. A Casarano abbiamo sbagliato tatticamente cosa da evitare, assolutamente, domenica prossima. Se, poi, l'avversario sarà più bravo tanto di cappello, ma noi siamo chiamati a provarcio: è la nostra mentalità".

SISTEMA DI GIOCO: "Il sistema di gioco è quasi uguale a quello del Casaranto anche se cambiano le modalità d'interpretazione. La dinamicità e i movimenti sono diversi. Sappiamo quello che dobbiamo fare. Abbiamo certezze anche perchè le vittorie con Taranto e Nocerina non sono arrivate per caso. Siamo stati vittime di una mazzata ma ora dobbiamo riprenderci i tre punti in casa".

FORMAZIONE: "Ce l'ho in mente. Mancheranno Zappacosta, Granado, Maglie ed Escu ma mi affiderò a quello che ho. Sono convinto che non faranno pesare le assenze. Potrei schierare anche cinque under".

IL CERIGNOLA: "Ha tante qualità e non getta via mai la palla fraseggiando e giocando negli spazi. Poi hanno grosse individualità tra cui Loiodice che è veramente forte e degli under validi. Tutto ciò deve fornirci gli stimoli giusti per fermarli. Abbiamo bisogno del pubblico: la loro mancanza è stata un fattore negativo. Ci danno uno stimolo in più".

Si ringraziano:

 

 

 

Taranto: Convocati, Allegrini e Betti non ce la fanno
Cerignola: Potenza, ‘Brindisi da non sottovalutare’