TARANTO

Antonio Guarracino: 'Il Taranto? Lo metto in prima fila'

Il tecnico del Sorrento a Blunote: 'Vogliamo salvarci e ben figurare'

Alessio Petralla
08.09.2018 12:56

A commentare il nuovo girone H della serie D, a Blunote, è il tecnico del Sorrento Antonio Guarracino: "Per me è il primo anno di serie D: conosco bene le otto campane e sono un po' meno informato sulle altre formazione. Sicuramente, si tratta di un raggruppamento duro in cui molte squadre hanno fatto grossi investimenti e tanti calciatori sono scesi di categoria per cercare di vincerlo".

IL SORRENTO: "La mia è una squadra nuova, una neopromossa: c'è tanto entusiasmo e volontà di fare bene, stupire e giocarcela. Abbiamo fatto il massimo sul mercato sia per quanto riguarda gli over che per gli under".

GLI OBIETTIVI: "Sicuramente, vogliamo ben figurare e ottenere la salvezza. Non sarà facile perchè in quel discorso rientrano le squadre che occupano dalla sest'ultima all'ultima posizione. Puntiamo molto sui giovani, non solo gli under, ma anche i classe '97, '96 e '95. Abbiamo acquistato un calciatore importante come De Angelis che con Sciliani e Russo devono portarci alla salvezza. Ci sono molti under 23 di spessore".

L'AVVIO: "Adesso non si può dire se il calendario è favorevole o meno: sicuramente, dovremo affrontarle tutte e solo durante il cammino si potrà sostenere se siamo stati fortunati, Sarà subito derby con l'avversaria più vicina geograficamente".

LE FAVORITE: "La squadra che in Campania si è meglio attrezzata è il Savoia. Avranno un arduo compito visto che in Puglia ci sono formazioni forti come Cerignola, Taranto, Altamura e la retrocessa Andria".

IL TARANTO: "Ha tutti gli ingredienti per fare bene: la metto in prima fila. L'ho seguito e in questi anni ha sempre fatto investimenti importanti ripresentandosi per cercare di vincere il campionato. Il blocco dei vecchi con i nuovi acquisti e il tecnico Panarelli fanno un buon mix per potersela giocare".

Atletica: Palmisano e Stano, Puglia comanda nella marcia Assoluti
Dino Bitetto: ‘Mai vista una squadra ammazza-campionato’