Calcio Varie

Inghilterra: Insulti razzisti a calciatore su social, arrestato dodicenne

Tifoso Aston Villa ha scritto su profilo Instagram di Wilfried Zaha, attaccante di colore del Crystal Palace

12.07.2020 22:35

Wilfried Zaha
La polizia delle West Midlands ha arrestato un ragazzino di 12 anni perché "ogni atto di razzismo non verrà tollerato". Il dodicenne, tifoso dell'Aston Villa, aveva inviato queste frasi sul profilo Instagram di Wilfried Zaha, attaccante di colore del Crystal Palace che, proprio oggi, ha giocato contro i 'Villans' vincendo per 2-0 con una doppietta di Trezeguet. "Stro... nero, faresti meglio a non segnare domani (oggi, n.d.r.), oppure verrò a casa tua vestito da fantasma", con tanto di immagini razziste e di cappucci del Ku Klux Klan. Il calciatore aveva denunciato l'accaduto e le forze dell'ordine si erano allertate, individuando l'autore del post, "un tifoso del Villa, di Solihull" che poi è stato individuato nel giovanissimo che ora è in arresto. "Grazie a tutti coloro che hanno collaborato", scrivono le forze dell'ordine in una nota. L'Aston Villa ha già fatto sapere che squalificherà il piccolo tifoso a vita dai propri impianti e quindi non verrà mai ammesso alle partite. "E' davvero triste che il giorno della partita un calciatore si svegli e legga certe frasi - ha commentato Roy Hodgson, manager del Crystal Palace -. Si tratta di un vero e proprio abuso, e un atto di codardia. Ed è anche qualcosa di fronte a cui non bisogna stare zitti, ed è un'ottima cosa che noi, l'Aston Villa e la polizia abbiano fatto di tutto per individuare il responsabile, questo deprecabile individuo per il quale non ci sono scuse e che ora dovrà pagare per ciò che ha fatto".

Coronavirus: Da discoteche a voli, verso chiusura prorogata al 31 luglio
Basket A/M: Dopo Pistoia, anche Cremona rinuncia alla Serie A