1a Categoria

1a Categoria/B: Grottaglie sconfitto a Sava e contestato

Al ‘Camassa’ decide una rete di Vasco. Biancazzurri sottotono per tutto il match, vano il pari su punizione del solito De Tommaso

Michele Trani
17.02.2019 18:30

Foto Calcio Grottaglie Web (pagina Facebook)

Un Grottaglie senza personalità cede 2-1 al ‘Camassa’ di Sava e sprofonda a meno tre dal Castellaneta, vittorioso in rimonta sul Massafra. I biancazzurri si mettono spalle al muro al termine di una prestazione da dimenticare che li allontana dalla vetta e li condanna ai tre punti domenica nel decisivo match interno contro i valentiniani. Gli scontri diretti si confermano il vero tallone d’achille dei grottagliesi, incapaci di vincere contro le prime della classe (Castellaneta, Sava e Capurso). Di contro, si confermano le qualità del Sava, bravo ad imbrigliare il Grottaglie in mezzo al campo e ad acuirne i difetti con una gara attenta e di qualità che ha in visto nelle discese di Triusciuzzi, nella regia di Cimino e nella vena realizzativa di Vasco i suoi maggiori artefici. Si parte secondo gli orientamenti della vigilia. Pizzolante, Camassa e Cirrottola costituiscono il terzetto difensivo davanti a Costantino. A centrocampo Raffaello, insufficiente la sua prova, si riprende la regia coadiuvato ai lati da Napolitano e Fonzino. Appeso e Pisano presidiano le corsie laterali mentre, in avanti,tocca ancora a Birtolo affiancare in prima linea De Tommaso. Nessuna novità anche tra i padroni di casa che affidano la regia ad un imperioso Cimino, di gran lunga il migliore in campo, e la prima linea a bomber Vasco. Partenza a razzo degli uomini di Mazza con il Grottaglie, stordito, incapace di reagire. Quasi inevitabile il vantaggio del Sava al termine di una bella percussione sull’out di destra. Ci si attende la reazione degli ospiti, ma è ancora l’Academy a sfiorare il gol dopo una corta respinta di Costantino su cui è lo stesso numero uno grottagliese a porre rimedio con il corpo. Un instancabile Cimino offusca De Tommaso, fulcro del gioco grottagliese, mentre la regia approssimativa di Raffaello fa il resto con gli uomini di Orlandini lenti e prevedibili soprattutto sugli esterni dove né Pisano né Appeso riescono a portare a taccuino azioni degne di nota. Così è il solito De Tommaso a cantare e portare la croce impensierendo il numero uno di casa con una punizione delle sue deviata, con un po’ di fortuna, sulla traversa. Il Sava cerca il raddoppio, ma trenta secondi prima dell’intervallo sono i biancazzurri di Orlandini ad impattare a sorpresa il match con la solita punizione velenosa di De Tommaso, aiutato dalla papera del portiere. Regna l’equilibrio nella prima parte della ripresa, poi il Sava riaccelera e per il Grottaglie sono dolori. Trisciuzzi mette un paio di volte in difficoltà Appeso senza sortire gli effetti sperati, poi è Costantino ad ergersi assoluto protagonista del match salvando il pari in un paio di occasioni (nel mezzo anche un clamoroso errore di Vasco da due passi). Il Sava ci crede e vede premiati gli sforzi nel finale con il colpo di testa vincente di Vasco su cui non può nulla il numero uno grottagliese. Esplode il ‘Camassa’ mentre Orlandini getta nella mischia anche Masella nell’intento di raddrizzare la contesa. Raffaello getta alle ortiche una punizione con la squadra protesta in avanti, poi, all’ultimo assalto, è ancora De Tommaso a provarci da calcio franco con la palla che esce di un soffio alla destra del portiere di casa. Finisce 2-1 con i biancazzurri sonoramente contestati dal centinaio di tifosi accorsi al ‘Camassa’. Grande festa invece per il Sava che riapre i giochi in ottica play-off regalando, al contempo, il primato in solitaria al Castellaneta, prossimo avversario di un Grottaglie che dovrà dimostrare sul campo di essere in grado di reagire soprattutto dal punto di vista mentale.

Serie D/I: Il Bari sbanca Locri e allunga sulla Turris
[Video] Fidelis Andria-Taranto 1-1: La sintesi di Studio 100