Cultura, musica e spettacolo

Grottaglie: Il 26 e 27 luglio in scena gusto, artigianato e musica

Il quartiere delle Ceramiche per due giorni protagonista della estate pugliese con la decima edizione di Vino è Musica e del Mondial Tornianti in tour

Comunicato stampa
20.07.2019 10:25

Presentata in conferenza stampa la rassegna “enoculturale” Vino è Musica, che quest’anno si svolgerà il 26 e 27 luglio. La rassegna che celebra la cultura, le tradizioni, l’arte, il territorio e i suoi molteplici sapori festeggia i suoi primi dieci anni. Evento clou di questa edizione speciale sarà il Mondial Tornianti in tour, promosso dal Comune di Grottaglie in collaborazione con AICC – Associazione Italiana Città della Ceramica e Ente Ceramica Faenza. Vino, cibo e ceramiche ai piedi del trecentesco Castello Episcopio, in uno scenario unico al mondo: il Quartiere delle Ceramiche di Grottaglie. Arte del lavorare e plasmare la terra e i suoi prodotti. Questo è il format che la città di Grottaglie (TA), famosa in tutto il mondo per l’arte figulina, propone per il 26 e 27 luglio ai suoi numerosi visitatori. Oltre 300 etichette in degustazione, 100 aziende provenienti da Puglia, Basilicata, Campania, Calabria e internazionali sparse tra i percorsi “on the road”, 9 laboratori del gusto sulle panoramiche terrazze delle botteghe ceramiche e tre enoteche “en plain air”. Ma non finisce qui! 5 saranno gli chef che, immersi nel Quartiere delle Ceramiche, tra note jazz, rock e indie di 14 band esclusivamente “made in Puglia”, presenteranno ai tanti winelover la loro rivisitazione di piatti tradizionali, in chiave “street food” e 5 ristoratori del territorio che proporranno i lori abbinamenti nei laboratori di degustazione. Attesissimo il cameo di Diodato, che per l’occasione si esibirà in un’inedita versione acustica e il divertente quanto ironico TG dedicato al food, al wine e all'attualità nazionale ideato e scritto dalla redazione di Lercio.it. La rassegna, che negli anni ha già ospitato oltre 150 aziende vitivinicole, 40 chef, e 80 gruppi musicali, in occasione del decennale metterà in mostra i migliori vini e l’artigianato tipico per dare vita a un appuntamento unico ed esclusivo. Un vero e proprio viaggio nei sapori e saperi del Sud Italia. 

E poi ci sarà la ceramica, la grande protagonista della due giorni. Sarà infatti il Quartiere delle Ceramiche, con le sue cinquanta botteghe ancora in attività, all’ombra del Castello Episcopio, la suggestiva cornice al “Mondial Tornianti”. Provengono infatti dalla Turchia, dalla Puglia, dal Veneto, dalla Sardegna, dall’Emilia Romagna, dalla Campania, dall’Abruzzo e dalla Basilicata i maestri tornianti che a colpi di creta si sfideranno al tornio nell’appassionante competizione. Esperti artigiani e ceramisti si ritroveranno a Grottaglie per l’entusiasmante competizione ideata oltre 30 anni fa a Faenza. A disposizione i concorrenti avranno 6 chili di argilla e mezz’ora di tempo per misurasi in una gara che metterà a dura prova la loro abilità con l’antica arte del tornio. Grande attesa per la performance fuori gara, Io, il tornio e lo scuro – Throw in the Dark durante la quale i maestri tornianti dovranno creare un oggetto artistico avvalendosi della sola memoria immaginativa e disponendo solamente delle “misure” prese con il tatto e utilizzando esclusivamente le proprie mani, la propria intuizione e l’antico strumento del tornio da vasaio. Una prova ostica, quanto affascinante, che porterà gli artisti a superare i propri limiti. 

Ogni anno Vino è Musica è un po’ come l’argilla che il maestro ceramista centra sulla girella del tornio. – dichiara Enza De Carolis, organizzatrice di Vino è Musica – Nel corso dei mesi di preparazione, può assumere forme “di rivoluzione”, a volte anche casuali, ma sono l’effetto di operazioni rigorose che preparano alla creazione di nuovi profili per dar vita all’oggetto finale. Vedere ogni anno prendere formauna nuova edizione di Vino è Musica costituisce per noi organizzatori un momento esaltante come quello del ceramista che vede la materia prendere forma sotto le sue mani.

Nella due giorni ci saranno inoltre mostre d’arte ceramica dedicate al vino, laboratori didattici rivolti ai piccoli visitatori all’interno del Museo della Ceramica, visite alla mostra di ceramica contemporanea “MediTERRAneo” e oltre 50 botteghe artigiane da visitare dove le mani dei maestri figulini, tinte di terra e colore, modellano e dipingono da oltre cinque secoli.

“Grande originalità e innovazione per una rassegna irrinunciabile dell’estate pugliese – dichiara il Sindaco della Città di Grottaglie, Ciro D’Alò - che da 10 anni si conferma una valida offerta turistica con proposte enogastronomiche che hanno permesso di essere decretata da alcune testate nazionali tra gli eventi più rilevanti legati al vino.  Come amministrazione comunale abbiamo voluto dare il nostro supporto inserendo all’interno della rassegna la tappa dell’importante competizione internazionale del “Mondial Tornianti”. Con questa collaborazione – continua il Sindaco - si apre un percorso più strutturato che coniuga turismo, accoglienza e promozione della ceramica: si tratta di un percorso importante in grado di proporre ai nostri visitatori un’esperienza turistica multisensoriale. Insomma, un appuntamento imperdibile per chi vuole approfondire il mondo del vino abbinandogastronomia mediterranea, storia, arte, musica e cultura. Le iniziative sono promosse da Intersezioni e Comune di Grottaglie in partnership con Confagricoltura Taranto, Gal Magna Grecia, Slow Food Grottaglie – Vigne e Ceramiche, Sistema Museo, Qiblì srl e Fatia srls.

Locomotive Jazz Festival: A Taranto la Norvegia di Eivind Aarset
Virtus Francavilla: Mercato, arriva un difensore dalla B